sabato, Aprile 13, 2024

Ciuri Ciuri, ciuri di tuttu l’annu…

Condividi con i tuoi amici!

Vi presento una “collezione” di splendidi ritratti floreali, dipinti con un delicato bianconero, con una speciale attenzione a dettagli e particolari!
Il titolo “Çiuri Çiuri” è una citazione di una delle canzoni popolari siciliane più famose, e vuol dire, ovviamente, “Fiori fiori”. L’autore dei testi è sconosciuto, mentre la musica fu scritta da Francesco Paolo Frontini nel 1883. (qui sotto il testo completo e link per ascoltarla)
Collezione dedicata a tutte le gentil donzelle del mondo e a tutti i fan di Amo≈Sicilia! 


Ciuri ciuri nasce dal forte e determinato desiderio di conoscere ed ammirare la bellezza che la natura sa offrire anche attraverso un apparente semplice e timido fiore.
I ciuri, protagonisti indiscussi di tutta l’opera in versione bianco e nero, rappresentano una collezione di ritratti floreali secondo uno stereotipo di gusto piacevole, che non considera astruse composizioni ma conserva la sobrietà e la genuinità della natura stessa.
È un opera dalle sfaccettature eleganti ma contemporaneamente semplici nonostante i dettagli particolarmente curati che danno valore a tutta l’opera.
Il titolo “ciuri ciuri”, il cui significato è “fiori fiori” è stato suggerito da un famoso canto popolare siciliano (vedi su Youtube), in quanto l’artista, autore di tale opera è sostenitore ed amante della sua terra natia, che gli dà costantemente forte ispirazione. E lui con naturale delicatezza ed eleganza gli rende onore.

[Cristina Solazzo]


“Çiuri Çiuri” (testo canzone)

ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu…
Ciuri, ciuri
ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca, mi dasti ti lu tornu…
La La La La La, La La La La La…
Lu sabatu si sapi è allegra cori
biatu cu àvi bedda la muggheri.
Cu l’àvi bedda ci porta li dinari
cu l’àvi brutta ci mori lu cori.
Ciuri, ciuri
ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu…
Ciuri, ciuri
ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca, mi dasti ti lu tornu…
La La La La La, La La La La La…
Si troppu dispittusu tu ccu mia
cascu du lettu su mi ‘nsonnu a tia,
si bruttu ‘nta la facci e ‘nta lu cori
cu tia ju’ non mi vogghiu maritari.
Ciuri, ciuri
ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu…
Ciuri, ciuri
ciuri di tuttu l’annu
l’amuri ca, mi dasti ti lu tornu…
La La La La La, La La La La La…
Ciuri di rosi russi a lu sbucciari
amara a cui li tò paroli criri.
L’omini siti tutti munsignari
jù non ti vogghiu no! Ti nni pò iri.


La canzone…

Gallerie Simili...

Scopri altri luoghi...

Naviga per categoria

Condividi con i tuoi amici!

Contattami per acquistare foto e poster, collaborazioni e utilizzo fotografie...
Consent Management Platform by Real Cookie Banner